MONITORAGGIO SITO INQUINATO AREA ANTISTANTE ACQUEDOTTO COMUNALE DI CAVE ALTE

La bonifica di siti contaminati riveste un ruolo strategico nella pianificazione territoriale locale in quanto consente di recuperare aree compromesse da fenomeni di contaminazione, potenziali rischi per l’ambiente e la salute dell’uomo e costituisce un’importante occasione per la riqualificazione di un ambito territoriale.

Nel nostro territorio una vasta area privata di circa 15.000 mq. per una profondità di circa 15 metri, in passato oggetto di attività estrattiva di tufo, IN LOCALITÀ CAVE ALTE, così denominata proprio a causa della sua destinazione e conformazione, anni addietro VENNE UTILIZZATA COME DISCARICA DI OGNI TIPO DI MATERIALE E RIFIUTO. Bene informati narrano che in essa addirittura sversassero Enti pubblici ed Ospedali. Tutto ciò già di per sé costituirebbe una vera e propria bomba ecologica, immaginate però a quali rischi sarebbe sottoposta la popolazione se nelle immediate vicinanze il Comune avesse il proprio acquedotto con i relativi pozzi di captazione, dai quali fornisce l’acqua destinata al consumo umano. Per farvi intendere la pericolosità della situazione in tali zone, per legge dovrebbe esistere una zona di rispetto di circa 200 mt. al fine di preservare la qualità delle acque, delle falde acquifere e del suolo e quindi della Salute umana.

Orbene, a noi al momento non interessa ricercare i colpevoli, altri ne sono deputati, a Casagiove nel Cuore importa la salute dei cittadini e conoscere, pertanto, il vero stato di inquinamento e di contaminazione delle acque e del suolo di quell’area che, immancabilmente, se venissero confermate da evidenze ed esami di analisi chimiche e fisiche, potrebbe rappresentare un pericolo di proporzioni immense per la popolazione.

Pertanto, atteso che è fondamentale per prima cosa attivare un piano di caratterizzazione del materiale interrato per decine di metri nell’invaso prodotto dall’estrazione delle cave, nonché di analisi approfondite sulle falde acquifere e sulla qualità dell’acqua che viene fornita da quei pozzi, Casagiove nel Cuore, come primo atto in materia ambientale e di salvaguardia della Salute pubblica, delibererà per interessare tutte le autorità competenti (Ministero dell’Ambiente, Regione, Provincia, Asl, Arpac, ecc.) affinché si proceda con la massima urgenza alla progettazione e realizzazione di un piano di caratterizzazione il cui scopo sarà quello di definire e verificare la presenza o meno di contaminazioni nel suolo e nelle acque destinate al consumo umano e sviluppare un modello concettuale di bonifica o di messa in sicurezza permanente.

Nell’ambito delle iniziative volte aI monitoraggio del territorio il Gruppo di Casagiove nel Cuore ha già deciso di aderire al programma di ricerca promosso dalla DD CLINIC RESEARCH INSISTUTE e dal dottor Andrea Del Buono, finalizzato al controllo e alla bonifica delle aree urbane contaminate da metalli pesanti attraverso l’utilizzo delle biotecnologie e della fitorimediazione. Il progetto si svilupperà attraverso un processo di riqualificazione del verde pubblico e dei terreni privati, che avverrà anche mediante il posizionamento e la piantumazione di specifiche qualità di arbusti e piante.

CONTROLLO DELL’INQUINAMENTO ATMOSFERICO E DEL TRAFFICO

Non ci risulta che siano mai stati commissionati studi per la valutazione dell’inquinamento atmosferico nella Città, e per Casagiove nel Cuore questo controllo rappresenta un problema fondamentale, non di poco conto, a cui bisogna porre rimedio nel più breve tempo possibile. Per questo ci attiveremo con gli organismi preposti (Asl, Arpac), con la Facoltà di Scienze Ambientali e con privati per una collaborazione fattiva al fine di procedere all’analisi dei dati rilevati da apposite centraline da collocare in varie zone sensibili del territorio per identificare i segnali di pericolo in una specifica zona.

Dall’analisi di questi fattori ed in base alla quantità dei diversi agenti inquinanti presenti saranno adottate le misure di contenimento previste per legge, quali ad esempio la esclusione o la limitazione del transito di tutte o di particolari categorie di veicoli. Però, a prescindere da tali criticità, che ci auguriamo possano risultare inesistenti, è indubbio che bisognerebbe intervenire sulla limitazione del traffico pesante, superiore ai 35 q.li a pieno carico, all’interno del centro abitato, in particolare su Via Appia e su Viale della Libertà, riconoscendo che esistono alternative idonee e funzionali per raggiungere le qualsivoglia destinazioni evitando l’attraversamento di dette arterie.

Prevediamo, pertanto, di procedere ad una rivisitazione del piano traffico e della sosta orientato ad ottimizzare gli spostamenti ed a ridurre le emissioni di agenti inquinanti.

RIFIUTI

La gestione dei rifiuti è stata, negli ultimi anni, un servizio di erogazione travagliato e complesso, che in diversi momenti ha portato la nostra città a vivere momenti di emergenza sanitaria con rifiuti che invadevano ogni angolo.

Casagiove nel Cuore, si impegna a implementare una NUOVA GESTIONE DEI RIFIUTI, una gestione snella, coordinata e sottoposta ad un costante controllo, dove il RIFIUTO DEVE ESSERE CONCEPITO E GESTITO COME RISORSA. Abbiamo la necessità di un SERVIZIO PUNTUALE, PRECISO E CONTINUATIVO PUNTANDO SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA e l’istituzione dell’identificazione dei rifiuti attraverso strumenti tecnologici adeguati, che possano portare, sul lungo periodo, ad una rimodulazione della relativa tassa. In tale contesto, necessario e doveroso è rivedere ed aggiornare il Regolamento della gestione della raccolta.

Vogliamo introdurre:

  • CAMPANE DI COMPOSTAGGIO DOMESTICHE. La raccolta differenziata può essere effettuata anche con il compostaggio domestico dei rifiuti organici svolto da chi ha un giardino nella propria casa di residenza, o attraverso consorzi di condomini in aree comunali. Il meccanismo, già sperimentato in altri comuni, con eccellenti risultati, garantisce uno sgravio importate per chi effettua tale scelta ecologica.
  • DISTRIBUTORI MANGIA PLASTICA. Ridurre la produzione di rifiuti plastici promuovendo il riciclo degli imballaggi. Incentivare ulteriormente l’economia circolare e il sistema di raccolta delle plastiche attraverso sistemi di “Pay-Back” come, ad esempio, un compattatore di bottiglie che restituisca ai cittadini virtuosi buoni risparmio sulla tassa dell’immondizia, proporzionalmente al quantitativo di plastica depositato. I compattatori-distributori saranno collocati in punti strategici e su tutto il territorio cittadino.
  • TESSERA DELL’ALLUMINIO, riservata ai commercianti, i quali potranno contribuire concretamente all’implementazione del sistema di raccolta differenziata, e ai quali sarà garantito uno sgravio sulla relativa tassa proporzionata al materiale consegnato.
  • Inasprire le SANZIONI e AUMENTARE I CONTROLLI affinché le nostre strade e soprattutto le nostre campagne non diventino delle discariche a cielo aperto, individuando anche strumenti più efficaci per combattere l’abbandono dei rifiuti, mediante l’istallazione di fototrappole.

A questo proposito è necessario intervenire per una BONIFICA delle aree periferiche e di tutte le altre zone della città abbandonate e divenute con il tempo discariche abusive di rifiuti o di depositi controllati di essi.

SALUTE E PREVENZIONE

Particolare attenzione sarà dedicata al comparto sanitario con l’ISTITUZIONE DI UN PRESIDIO DEDICATO che abbia sede in Casagiove al fine di un potenziamento sul territorio dei servizi sanitari di prevenzione. Verranno attivati i seguenti servizi, relativi a:

  • Medicina di base
  • Infanzia
  • Terza età
  • Prestazioni specialistiche

È intenzione della nostra compagine proseguire sistematicamente con le giornate informative con associazioni territoriali, professionisti e specialisti volte alla prevenzione e di istituito uno SPORTELLO SANITARIO, che in modalità on line direttamente collegato con l’ASL, permetterà agli utenti di usufruire di servizi dedicati, quali la scelta del medico di base/pediatra, pagamento ticket, prenotazioni prestazioni mediche, ecc.