Casagiove nel Cuore, Ernesto Ianniello si candida al consiglio della città: “Il territorio non può essere considerato solo uno spazio geografico”

Nella rosa dei candidati che competono alla carica di consigliere comunale scende per la prima volta in campo il giovane Ernesto Ianniello, Sottoufficiale dell’Aeronautica e attualmente impiegato a Roma presso il Ministero della Difesa.

Una sua prima esperienza in campagna elettorale accanto al leader del gruppo Casagiove nel Cuore, Danilo D’Angelo, in corsa per il governo della città. Ianniello Ernesto non si perde in congetture e formule del pensiero stereotipate, ma preferisce applicare alla politica il più chiaro dei valori: essere servizio per il cittadino.

«I sentimenti di amore per il territorio non possono essere più sbandierati appoggiandosi al “senso comune di appartenenza”, come del resto non si può continuare a considerare il territorio come uno spazio geografico. Territorio ed identità sono concetti alti, che devono fungere da cardine ad una gestione amministrativa attenta, sensibile e lungimirante.

Lavorando a Roma ho avuto modo di rendermi conto dello stato dell’arte della città. Ogni volta sempre peggio. L’ultima rappresentazione politica, ci ha dimostrato come la stessa governance è stata riduttiva e insufficiente nel saper espletare piccole richieste cittadine, concentrandosi in poche azioni concrete senza che un progetto generale sia stato finalizzato.

Sulla base di queste considerazioni, all’interno del programma di Casagiove nel Cuore si colgono molti aspetti ammantati di pragmatismo e, parlando di territorio, non nascondo la mia predilezione per il rione Coccagna, che si racchiude rappresentativamente nella storica Piazza Santa Maria della Vittoria; essa stessa è l’emblema di un abbandono che non può più essere giustificato, a partire dall’arredo urbano, che potrebbe essere stilizzato nel rispetto del sostrato storico di Coccagna.

Un input che potrebbe facilmente non solo ridare enfasi alla zona rendendola funzionale, ma esaltarne la bellezza storica».